Giro Giro Corto 2008 - i risultati

 

    Si è conclusa il 10 settembre la prima fase di Magma – mostra di cinema breve, dedicata ai ragazzi e intitolata Giro giro cortomostra di cinema piccolo.

 

    Il “festivalino” è nato nel 2007 per permettere a tutti quei lavori realizzati dai ragazzi nell’ambito di laboratori, scuole e accademie di educazione all’immagine presenti sul territorio nazionale di sfuggire all’oblio di qualche cassetto o armadio d’archivio e giungere allo schermo e agli occhi del pubblico.

 

    Un totale di circa 250 spettatori presenti, per le due serate di programma (9 e 10 settembre), nell’Aula Magna dell’Istituto Tecnico Industriale Statale “Galileo Ferraris” di Acireale, testimonia un interesse per questi preziosi esperimenti di avvicinamento al cinema fino ad ora sottovalutato dai circuiti culturali e perfino dagli stessi giovani autori dei corti.

 

 

    Lo stesso pubblico ha avuto la possibilità di eleggere i corti vincitori di questa edizione, scegliendo tra le 14 opere in gara:

·        per la categoria Junior (6 – 13 anni) il primo premio è andato agli alunni della classe terza della scuola primaria Don Lorenzo Milani di Catania con il corto Lettera al sindaco, lettera aperta in forma di video per uno spazio urbano a misura di bambino;

 

·        per la categoria Ragazzi (14 – 19 anni)  i vincitori sono stati gli alunni dell’Istituto Boggio Lera di Catania con Dettagli di tempo, amara riflessione sull’indifferenza che porta ad ignorare il grido d’aiuto di un amico.

 

    I membri dell’Associazione Culturale Scarti, ideatori ed organizzatori di Giro Giro Corto – mostra di cinema piccolo e del più ampio cartellone di Magma – mostra di cinema breve, non possono che dirsi soddisfatti della riuscita dell’esperimento, che verrà certamente riproposto l’anno prossimo.

 

    “Aver intercettato un interesse così forte verso queste produzioni a bassissimo costo ma estremamente brillanti, pensate e realizzate dai ragazzi”, ha dichiarato Luca Leotta, direttore organizzativo di Magma ”ci spinge a continuare su questa strada. Lo stesso sistema scolastico, in continuo mutamento, riserva finalmente al cinema la dovuta attenzione, e gli riconosce tutta la sua valenza educativa. In Italia si moltiplicano esempi virtuosi di produzioni basate sulle idee fresche ed intelligenti di giovani autori: la possibilità di fare cinema a scuola, nei centri di aggregazione, nelle accademie riservate ai ragazzi comincia per fortuna a non essere più una rara eccezione”.

 

    Già in cantiere la prossima edizione, con un nuovo nome per il festival, maggiore spazio all’interno del programma di Magma e l’impegno da parte della Scarti a ricercare, su tutto il territorio nazionale e in maniera sempre più approfondita, opere meritevoli e produzioni interessanti.

 

    Maggiori info, foto, video e approfondimenti su www.girogirocorto.org